• Inshibrikki

Pedalare Verso la Luce

Aggiornato il: mar 13

Se è vero che nulla si crea e nulla si distrugge è altrettanto innegabile che l’uomo, sfruttando il principio di conservazione dell'energia, può oggi contribuire in maniera significativa al risparmio energetico del pianeta, producendo elettricità con i suoi stessi muscoli. Può sembrare paradossale che l’umanità, dopo aver concepito macchine che la liberassero dalla fatica fisica, ora veda proprio in quest’ultima una possibilità di salvezza per il pianeta e di sopravvivenza della sua stessa specie. E invece sono molti i progetti nati per la produzione di energia pulita off-grid attraverso l’uso di biciclette elettriche che invece di assorbire energia dall’esterno la producono.


Fra i progetti più interessanti quello supportato dall'imprenditore e filantropo indiano naturalizzato statunitense Manoj Bhargava, fondatore e CEO della compagnia Living Essentials. Una pedalata di un’ora potrà provvedere energia sufficiente a coprire il fabbisogno elettrico di un’intera giornata per le famiglie povere dell’India dove sarà impiegato il sistema.

lo spinning produce energia

La britannica Electric Pedals già commercia biciclette e vogatori in grado di assicurare la potenza necessaria per allestimenti cinematografici all’aperto, laboratori, palchi musicali e simili, senza limite alla creatività. Il Regno Unito non è nuovo al fenomeno: la Great Outdoor Gym Company conta già su una rete di oltre trecento punti di allenamento ad energia pulita, ma la novità introdotta dalla palestra ecosostenibile costruita nella cittadina di Hull è quella di poter incanalare l’energia prodotta durante una sessione di allenamento nella rete elettrica del gestore locale, alleggerendo così la bolletta dei cittadini. Il progetto è stato chiamato Green Heart, ed ha già accumulato più di 40 Megawatt potendo contare su diversi attrezzi: biciclette, cross trainer, strumenti che misurano l’indice di massa corporea oltre ad indicazioni mediche per un utilizzo corretto.


In Italia la tendenza è stata intercettata da Technogym, azienda italiana leader nella fornitura di attrezzature e servizi per il fitness. La nuova linea di macchinari Artis, infatti, è stata creata per trasformare lo sforzo degli atleti in energia elettrica pulita, anziché lasciare che una potenziale fonte rinnovabile vada dispersa. Le 30 attrezzatture studiate dall'azienda romagnola sono dedicate al training cardiaco, allo sviluppo della muscolatura e all'allenamento funzionale. L'energia che sono in grado di produrre dall'attività fisica degli utenti è destinata ad alimentare i loro display e a soddisfare parzialmente il fabbisogno interno del centro fitness. E' stato calcolato che con 30 macchine Artis attive per 8 ore al giorno, l'energia autoprodotta arriva a coprire il 25% del fabbisogno energetico del centro fitness, un risultato che, sebbene non entusiasmante, non è da sottovalutare nella prospettiva di un'auspicapile sviluppo della futura ricerca.


#picoftheday #gym #energia #palestra #technogym #Artis #Manojbarghava #Hull



0 visualizzazioni