• Inshibrikki

Trekking e Quarantena.

Per ciò che riguarda le attività all’aria aperta, non ci sono nuove disposizioni rispetto a quelle comunicate lo scorso marzo 2020 dal Governo ma si ribadisce nuovamente quanto detto in seguito all’emanazione del Decreto stesso, ovvero è necessario limitare ogni spostamento che non sia strettamente legato a motivi di lavoro, di salute o estrema necessità. Pertanto si può confermare quando detto nei precedenti aggiornamenti ovvero è proibito camminare in gruppo o formare assembramenti, ed è sconsigliato svolgere attività fisiche che possano creare rischi di infortuni, visto il sovraccarico delle strutture sanitarie.

Il testo del provvedimento afferma che gli spostamenti sono consentiti per “comprovate esigenze primarie non rinviabili” tra le quali rientrano “l’approvvigionamento alimentare, gestione quotidiana degli animali domestici” e anche “lo svolgimento di attività motoria e sportiva all’aperto, rispettando la distanza interpersonale di almeno un metro“.

Questa nuova disposizione offre un’interpretazione del Decreto del Presidente del Consiglio che sembra consentire le passeggiate all’aria aperta, purché si evitino gli assembramenti e non ci si allontani dal proprio comune di residenza. Si tratta quindi piuttosto banalmente di adoperare il buon senso per osservare le regole e non mettere in pericolo se stessi e gli altri.




7 visualizzazioni